benvenute ciliegie!

2 giugno 2017
_MG_8671rid2 copia

Vediamo se mi ricordo la password per entrare nel blog… ecco fatto! Per questa volta posso tirare un sospiro di sollievo.
Insomma è sempre la stessa storia, ci sono ricette disposte a strati nel cassetto semiaperto (in realtà sono sparpagliate nei vari quadernini che affollano la mia postazione) che forse non vedranno mai la luce.
Che ci volete fare, sulla soglia dei cinquanta alcune cose cambiano, qualcosa si perde e qualcosa si guadagna (sì, ma cosa si guadagna???) 
Succede che alcuni orizzonti iniziano ad assumere contorni sfocati, si vorrebbe fare e strafare ma i passi iniziano a rallentare e mentre tutto intorno gira vorticosamente noi, prossimi al giro di boa, non abbiamo più paura di essere sempre meno social (forse sto parlando solo per me?) e ci importa poco di collezionare follower. Comunque un po’ di asocialità non guasta. Vi serve qualche lezione in proposito? 
Ma adesso mettiamo fine a queste riflessioni scritte alla rinfusa e pensiamo al dolce… meglio no?

Vi lascio la ricetta di questa torta, soffice e leggera. È alla portata di tutti, anche dei maschietti che si cimentano in cucina. Per dare un tocco più goloso potete tagliarla a metà e farcirla con marmellata dolcificata con succo d’uva o di mela.

Alla prossima… credo

ciao 🙂

_MG_8685rid copia

 

Torta soffice con ciliegie e ricotta (senza zucchero)

300 g di ciliegie
135 g di ricotta vaccina freschissima e cremosa di buona qualità
100 g di farina tipo 0 bio
2 uova
80 g di farina integrale di riso
60 g di malto di riso
60 g di succo di mela concentrato
30 g di olio extravergine d’oliva delicato
25 g di olio di vinaccioli (o di mais)
10 g di lievito per dolci
1/3 di cucchiaino da caffè di vaniglia naturale in polvere

1 lavate le ciliegie, tagliatele a metà ed eliminate il nocciolo.
2 in una ciotola lavorate a crema la ricotta con una frusta, unite un uovo alla volta e incorporatelo bene, aggiungete la vaniglia, il succo di mela e il malto di riso. 
3 aggiungete le farine mescolate con il lievito e amalgamate brevemente il tutto.
4 trasferite l’impasto in uno stampo a cerniera imburrato e infarinato oppure rivestito con carta forno.
5 guarnite la superficie con le ciliegie disposte a cerchi e infornate per 30-35 minuti a 170°C. Verificate la cottura della torta pungendola a fondo con uno stecchino che dovrà uscirne asciutto. Fate raffreddate, sformate e a piacere tagliate a metà e farcite con confettura.

Vi potrebbero interessare

6 Commenti

  • Rispondi Emmettì 4 giugno 2017 at 8:49

    Ciao Stefy, e bentornata! :-))))))))
    Mi piace questo spirito un po’ antisocial! E mi piace leggere le amiche blogger fermandomi a scrivere due parole e non semplicemente cliccare sul “like”!
    Golosissima, se pur leggera, questa torta ricca di ciliegie! Grazie per averla condivisa!
    Ti auguro una buona domenica, e spero di ritrovarti presto qui, nella tua cucina! :-)))))
    Un bacio con lo schiocco! :-*

    • Rispondi stefania 4 giugno 2017 at 9:34

      Felice di ritrovarti Maria Teresa! Buona domenica e un bacio a te

  • Rispondi Giovanna 6 giugno 2017 at 18:09

    Ciao Stefania, eccoti! Concordo e condivido tutto quello che scrivi (non solo la ricetta che mi sembra ottima!). L’importante è avere qualche “follower” nella vita reale e che siano pochi ma buoni. Mi ricordo quando dicevo che i 30 anni sarebbero stati il fatidico “giro di boa”. Tra una settimana ne compio 50; come dovrò chiamarlo questo? Giro dell’Antartide? Ti abbraccio :-)))

    • Rispondi stefania 6 giugno 2017 at 18:28

      Ahahahah… posso farla mia? Pensavo in realtà che tu fossi molto più giovane di me. Comunque non è l’età anagrafica quella che conta, giusto?
      Grazie per esserci! Ti mando un bacio, ciao Giovanna

  • Rispondi Lucy 7 giugno 2017 at 17:23

    Stupenda peccato che non trovo ciliegie buone questo anno

    • Rispondi stefania 7 giugno 2017 at 20:29

      Un paio di volte le ho trovate belle polpose e zuccherine, le ferrovia, ma credo che ci sia ancora tempo per gustarne di buone… tempo permettendo. Ciao Lucy, grazie

    Lascia un commento