Torta con more selvatiche

16 settembre 2015
_MG_5741a

Le ultime more raccolte nei boschi, farine senza glutine, olio extravergine, miele biologico e zucchero di canna integrale per questa torta leggera e sana. La consistenza è un po’ “sbriciolosa” dovuta alla farina di mais ma allo stesso tempo è molto morbida. Ottima tiepida, come tutte le torte alla frutta. 

_MG_5736a


Torta con more selvatiche


 per 6 persone, torta da 22 cm

150 g di farina di mais fioretto
100 g mandorle con la pelle
50 g di farina di riso integrale
100 g di bevanda di riso o di miglio
2 uova
75 g di ottimo miele bio, di millefiori o di acacia
75 g di zucchero di canna integrale, tipo Dulcita
60 g di olio exravergine d’oliva
250 g di more
16 g di lievito per dolci
1 cucchiaino da caffè di cannella
1 cucchiaio di limoncino
la scorza grattugiata di un limone
un pizzico di sale
uno stampo a cerniera da 22 cm di diametro rivestito con carta forno. 

_MG_5743a

Scaldate il forno a 170°C.
Tritate con il frullatore, o con un macinacaffè, le mandorle fino ad ottenere una farina non troppo raffinata, va bene se rimangono dei granelli. In una ciotola mescolate le more con il liquore.
Trasferite in un’altra ciotola le farine, il lievito, il sale, la vaniglia, e la farina di mandorle. In una ciotola montate le uova con il miele e lo zucchero. Unite a filo l’olio continuando a mescolare, poi aggiungete la bevanda di riso e la scorza del limone.
Unite la miscela di farine in un sol colpo agli ingredienti liquidi, aggiungete anche le more con il loro succo e il liquore e mescolate delicatamente sollevando il composto dal basso verso l’alto. Appena tutti gli ingredienti si sono amalgamati versate il composto nello stampo per 35/40 minuti fino a quando sarà ben cotta (verificate sempre con la prova stecchino).

E con questo gustatevi gli ultimi frutti della stagione!

Vi potrebbero interessare

14 Commenti

  • Rispondi lucy 17 settembre 2015 at 7:38

    spettacolare, il sapore rustico e le more che peraltro adoro.buona colazione!!

    • Rispondi stefania 21 settembre 2015 at 21:37

      Ciao Lucy, grazie! Buona merenda.

  • Rispondi Paola 17 settembre 2015 at 8:32

    La semplicità conquista sempre e ha sempre una marcia in più. Questa torta di more è una meraviglia.

    • Rispondi stefania 21 settembre 2015 at 21:36

      Grazie Paola!

  • Rispondi Emanuela 17 settembre 2015 at 8:48

    Il problema è che quando le trovo l’unica cosa che riesco a fare eè mangiarle immediatamente mentre le raccolto, perciò …addio torta!!! Deve essere buonissima, metto la ricetta in archivio e il prossimo anno ci riprovo!

    • Rispondi stefania 21 settembre 2015 at 21:35

      In effetti è difficile riuscire a resistere… Puoi sempre farla con quelle coltivate 🙂 bacio

  • Rispondi Chiara 17 settembre 2015 at 9:02

    Ciao 🙂
    Vista l’intolleranza al lattosio (mia e del mio compagno) e la stagionalità dell’uva fragola mi piacerebbe lanciarmi in una versione del tuo dolce e provare così una Bertolina un po’ più leggera. In questo periodo anch’io sto provando altre farine, soprattutto integrali, per variare la dieta e mangiare più fibre: la tua torta capita a fagiolo quindi e poi mi amo le ricette semplici.
    Le tue fotografie mi piacciono tanto tanto, la luce è magica.
    A presto
    Chiara

    • Rispondi stefania 21 settembre 2015 at 21:32

      Grazie Chiara, mi fa piacere 🙂

  • Rispondi arianna 17 settembre 2015 at 14:42

    Riesco quasi a sentirne il profumo…!
    Anche io vado a fare scorta di frutti rossi 😉

    • Rispondi stefania 21 settembre 2015 at 21:31

      Bene, a breve finiranno. Ciao Arianna!

  • Rispondi Elena 18 settembre 2015 at 14:39

    Perfetta per me! Che colore spelndido e rustico che ha questa delizia! Un bacione

    • Rispondi stefania 21 settembre 2015 at 21:30

      Ciao Ely, grazie… Un bacio a te!

  • Rispondi MAX 4 novembre 2015 at 10:39

    bona

    • Rispondi stefania 4 novembre 2015 at 10:40

      Grazie, devo replicarla?

    Lascia un commento