Un po’ Pane e un po’ Brioche

14 febbraio 2015
IMG_2722-r

IMG_2727-r

Trovo che mettere le mani in pasta sia un momento rigenerante, costruttivo e anche divertente. Partendo da farine, acqua e lievito si possono ottenere risultati diversissimi.
E’ rigenerante seguire le trasformazioni degli impasti lievitati, manipolarli, infornarli, curarli durante la cottura e inebriarsi degli aromi che si diffondono. Anche nella nostra cucina possiamo ricreare una piccola pasticceria! Non è fantastico? 

Ogni tanto, io per prima, ci facciamo prendere dalla pigrizia o non ci organizziamo per tempo, quando abbiamo la possibilità di preparare con le nostre manine cose davvero buone in tempi relativamente brevi. 

Così questa settimana presa dalla smania del “piccolo” pasticcere ho rifatto due volte il pan brioche.
La ricetta che trovate qui pur essendo piuttosto semplice dà un risultato apprezzabile. Ho provato ad utilizzare anche la farina di mais che conferisce una consistenza speciale alla crosta. Si ha la sensazione di mangiare una via di mezzo tra un pane e una brioche, con la crosta fragrante e scricchiolante e l’interno soffice.  Se iniziate a prepararlo al mattino il vostro pan brioche sarà pronto per la merenda.

Aumentando il numero di ore della lievitazione finale l’impasto risulterà più soffice ed alveolato, la crosta più morbida (le prime due foto sono quelle dell’ultimo pan brioche che ho infornato, un pochino più soffice perché ho lasciato lievitare l’impasto ancora un’ora). E’ davvero leggero, impastato con olio, yogurt, miele e pochissimo zucchero. 

Una cosa che fa la differenza è l’infusione delle scorze degli agrumi, se la preparate con molte ore di anticipo conferirà al vostro pan brioche un aroma favoloso.
Vi consiglio di mangiarlo tiepido, è proprio super quando la crosta è croccante e la mollica disperde profumi di agrumi e vaniglia. Accompagnatelo con marmellata, miele , crema o inzuppatelo così com’è nel caffè latte. 

Ma se volete farvi del male tuffate le fette di pan brioche in una miscela esplosiva di cioccolato e rhum (consiglio da seguire solo se avete più di 18 anni)! 

IMG_2675-r 
IMG_2685-r

Pan Brioche all’olio con yogurt e agrumi


250 g di farina tipo 0 (primo impasto)

90 g tipo 0  + 90 di mais fioretto (secondo impasto)

farina di mais o di semola per le pieghe q.b.

100 g di yogurt intero

135 g di acqua appena tiepida

1 uovo intero (g 50 senza guscio)

40 g di miele di tiglio

30 g di zucchero canna integrale

25 g di olio extravergine d’oliva

25 g di olio di girasole 

8 g di lievito fresco

4 g di sale marino integrale

2  cucchiai di limoncello, corrispondenti a 8 g circa (o liquore all’anice)

scorza di 1 limone bio grattugiata

scorza di 1 arancia bio grattugiata

1/2 cucchiaino da caffè di vaniglia naturale in polvere (o i semini di 1/2 bacca)


1. Ore 8. Primo impasto. Sciogliete il lievito nell’acqua. Trasferite i 250 g di farina setacciata in una ciotola (o nella ciotola della planetaria) fate la fontana e unite la miscela di acqua e lievito. Impastate brevemente fino ad avere un panetto. Coprite la ciotola e lasciate riposare l’impasto per 2 ore circa in un posto tiepido.

2. Nel frattempo in una ciotola piccola mescolate lo yogurt con lo zucchero fino a far sciogliere quest’ultimo. Unite i due tipi d’olio, l’uovo e la vaniglia. Mescolate vigorosamente fino ad avere una miscela cremosa ed omogenea. Coprite e mettete da parte. Preparate anche gli aromi. In una ciotolina miscelate il miele con il limoncello e le scorze degli agrumi grattugiate al momento. Coprite e lasciate riposare.

3. Ore 10. Secondo impasto.
Unite un po’ per volta al panetto lievitato la miscela di yogurt, uovo ed olii. Quando è stata incorporata aggiungete la miscela aromatica di miele e agrumi. Il composto sarà piuttosto fluido, amalgamate bene (per 5/7 minuti circa). Aggiungete poco per volta 180 g di farina (tipo 0 + mais mescolate con il sale) e proseguire a lavorare l’impasto  fino a  quando sarà omogeneo ed elastico (25 minuti). Coprite e lasciate riposare per 1 ora circa.

4. Ore 11. Piegature. Prendete l’impasto e disponetelo sopra un piano leggermente  infarinato con la farina di mais (o di semola). Lavorarlo facendo un paio di giri di pieghe a raggio ( sollevate un lembo di pasta e lo ripiegate verso il centro del panetto, girate a 45° sollevate un lembo di pasta e lo ripiegate verso il centro e così via fino a completare il giro). Trasferitelo nella ciotola, coprite e fate riposare per 1 ora.

5. Ore 12. Suddividete con delicatezza l’impasto in 8 porzioni e date a ciascuna una forma tondeggiante (per renderle tonde dovreste “pirlare” ogni porzione, provate a guardare qualche video sulla pirlatura, vi sarà utile anche per la lavorazione del pane). Adagiate le palline in uno stampo da plumcake rivestito con carta forno. Coprite con la pellicola e lasciate lievitare fino a raddoppio ( circa 2/3 ore dipende dalla temperatura della stanza).

6. Ore 15. Pennellate con acqua o latte, spolverizzate con un cucchiaio di zucchero e infornate a 180 ºC per 30 minuti nella parte bassa del forno. Togliete il pan brioche dallo stampo e proseguite la cottura per altri 5/7 minuti o finché anche i lati saranno dorati.

IMG_2692-r 

IMG_2677-r
La vostra Pepi vi manda un caro saluto

Vi potrebbero interessare

13 Commenti

  • Rispondi Francesca P. 14 febbraio 2015 at 21:21

    Il pan brioche mi aspetta da tempo… so che prima o poi lo porterò in tavola e sarà un evento… una conquista! Adoro i lievitati e mi dispiace non “padroneggiarli” come vorrei ma confido nella pazienza, nell’impegno e nella pratica! 🙂 Mi piace l’aggiunta di farina di mais, il giallo dona sempre quel calore in più!

    • Rispondi stefania 15 febbraio 2015 at 22:10

      Dai Francy buttati, non è complicato, un pochino di pratica e vedrai che soddisfazione!
      Grazie per la visita 🙂

  • Rispondi Gabila Gerardi 15 febbraio 2015 at 9:58

    Gli ingredienti sono uno spettacolo…….solo questo!!

  • Rispondi Gabila Gerardi 15 febbraio 2015 at 10:03

    …il solo questo era positivo ovviamente!!! <3

    • Rispondi stefania 15 febbraio 2015 at 22:10

      Gabiiiii <3

  • Rispondi Chiara 15 febbraio 2015 at 11:02

    Un pan brioche senza burro è decisamente da provare!!!

    • Rispondi stefania 15 febbraio 2015 at 22:11

      Chiara fammi sapere nel caso, ok? Ciao!

  • Rispondi luisa 15 febbraio 2015 at 12:07

    potrei provare in eterno a trovare qualcosa da voler cambiare in questa ricetta (ho il vizio, qualsiasi sia la ricetta da provare, a metterci del mio e modificare almeno la grammatura di qualche ingrediente..).. ma credo sia impossibile.
    ricetta davvero ottima.. ingredienti sani, sfiziosi, equilibrati… ed il risultato sembra non dare scampo! stupendo!
    una coccola infinita per la colazione…
    baci

    • Rispondi stefania 15 febbraio 2015 at 22:12

      Il vizio di metterci lo zampino e apportare modifiche ce l’ho pure io. Quindi fai pure! Grazie Luisa 🙂

  • Rispondi paola 15 febbraio 2015 at 18:57

    ottimo,soffice,goloso,brava

    • Rispondi stefania 15 febbraio 2015 at 22:13

      Grazie Paola 🙂

  • Rispondi Emanuela Martinelli 17 febbraio 2015 at 18:27

    Che bellissimi ingredienti, e un pan brioche senza buro è da provare assolutamente!

    • Rispondi stefania 17 febbraio 2015 at 18:31

      Ciao Manu, prova e fammi sapere! Grazie

    Lascia un commento