una pioggia di lune salate

22 marzo 2014
13326574143_b43192eccd_c

 

La cucina senza “questo” o “quello” non è poi così semplice da ideare.

Generalmente adoperiamo gli ingredienti sempre nello stesso modo e, raramente, li abbiniamo in differenti accostamenti.
Se non c’è una reale necessità o una curiosità da soddisfare difficilmente sperimentiamo altro.
Credo che il contest proposto sia stimolante proprio per il fatto che ci induce a pensare a cose diverse e più salutari.  

Questa la mia proposta, dei salatini dal gusto leggermente agrodolce per la presenza della mela.

Lunette salate 
100 g di farina di mais fioretto
50 g di farina di grano saraceno
100 g di mela golden o renetta grattugiata
50 g di olio extravergine d’oliva
35 g di mandorle con la pelle
35 g di nocciole con la pelle
10 g di semi di papavero
10 g di semi di lino
1 cucchiaino da caffè di sale marino integrale
1 cucchiaino da caffè di lievito per dolci biologico
2/3 cucchiai di acqua fredda

Tritate mandorle e nocciole fino ad ottenere una farina non troppo raffinata. Trasferite in una ciotola tutti gli ingredienti secchi, mescolateli e fate la fontana.

In una ciotolina amalgamate la mela con l’olio e versate questa miscela sugli ingredienti secchi.
Mescolate bene con una forchetta e aggiungete un cucchiaio d’acqua per volta.
Lavorate gli ingredienti con le mani fino ad ottenere un panetto omogeneo, copritelo e riponete in frigo per mezz’ora.
Scaldate il forno a 170°C.
Togliete l’impasto dal frigo e stendetelo con un mattarello allo spessore di 3 mm. Risulterà un po’ friabile e ci vorrà pazienza nel maneggiarlo. Con il tagliabiscotti ritagliate i salatini e adagiateli su una teglia rivestita con carta da forno.

Infornate e fate cuocere i salatini per 20 minuti o fino a doratura. Se dovessero scurire troppo velocemente abbassate la temperatura a 160°C.

 
Con questa ricetta partecipo al contest di Patrizia in collaborazione con Cose dell’altro pane E’ senza? E’ buono!

 

 

Vi potrebbero interessare


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /homepages/4/d638939906/htdocs/wp-includes/class-wp-comment-query.php on line 405

28 Commenti

  • Rispondi Elisabetta Stopponi 22 marzo 2014 at 14:48

    Ciao!! Ho scoperto da poco il tuo blog e sono rimasta catturata dalle foto.. però stavolta mi intriga un sacco anche la ricettina!!! Il fatto che sia “senza” non le toglie nulla, anzi.. 😉

    • Rispondi Stefania Zecca 24 marzo 2014 at 9:52

      Ciao Elisabetta, ben trovata e grazie per essere passata a salutarmi 🙂

  • Rispondi paola 22 marzo 2014 at 15:22

    nonostante i senza queste lune devono essere proprio buone,brava

  • Rispondi Laura Furness 22 marzo 2014 at 21:18

    Beautiful. Io sono inglese e sono molto grato per google translate – ha significato che ho potuto leggere questo post. Le foto sono incredibili e la ricetta suoni ottimo, davvero! Un nuovo seguito di sicuro! Laura x

    vintagecookbooksandotherstories.blogspot.com

    • Rispondi Stefania Zecca 24 marzo 2014 at 9:55

      Ciao Laura ben trovata! Mi fa piacere che tu sia riuscita a leggerlo anche in inglese 🙂
      Ti ringrazio

  • Rispondi Ale 22 marzo 2014 at 22:37

    stefy sono una meraviglia…sono sicura che patty apprezzerà di sicuro! davvero complimenti mia cara! bravissima come sempre

  • Rispondi Simona Mirto 23 marzo 2014 at 0:44

    Stefy cara mi sono innamorata delle foto, appena le ho ho viste sono state un colpo al cuore.. l’atmosfera che si respira qui ha sempre in se molta magia.. e questo è sicuramente merito della padrona di casa, che non sbaglia un colpo ma propone sempre ricette pensate, studiate e dal tocco originale… da provare poi la ricetta… le ricette “senza” spesso mi stupiscono da quanto siano buone… immagino che queste lune appartengano alla categoria:*
    un caro saluto:)

    • Rispondi Stefania Zecca 24 marzo 2014 at 10:01

      Cara Simo, ti ringrazio, sei sempre squisita e gentilissima. Ciao 🙂

  • Rispondi Audrey Borderline 23 marzo 2014 at 10:30

    Buone e anche belle le tue lune salate 😉
    Il contest è davvero molto bello, volevo partecipare solo che non credo di farcela.
    In bocca al lupo 😀
    Buona domenica

    • Rispondi Stefania Zecca 24 marzo 2014 at 10:03

      Ciao Audrey, ce la puoi fare, il contest scade il 30 aprile. Grazie e buona giornata a te 🙂

  • Rispondi Marina 23 marzo 2014 at 12:00

    Sono bellissime oltre che sicuramente buone, il tocco della mela mi incuriosisce molto!
    Un grande abbraccio

    • Rispondi Stefania Zecca 24 marzo 2014 at 10:05

      Marina grazie… inizio a sentirmi in imbarazzo per tutti questi complimenti!
      Un bacio grande carissima 🙂

  • Rispondi Patty 23 marzo 2014 at 16:17

    Cosa ti posso dire? Stiamo aspettando ricette come questa, nate dalla vostra ispirazione, semplici ma piene di personalità, sapore e fascino. Sono incantata e onestamente vorrei sedermi sul divano con un cartoccetto pieno di queste meraviglie e sognare le stelle.
    Ti abbraccio cara Stefania
    PS Puoi cortesemente aggiungere anche Cose dell’altro pane con il suo link come indicato nel regolamento? Sono loro i promotori di questo bel contest. Un bacione mia cara.

    • Rispondi Stefania Zecca 24 marzo 2014 at 10:10

      Patty, come mio solito e a cose fatte mi viene il dubbio se partecipare o meno perché la mia cucina è sempre molto semplice e poco elaborata, non proprio da concorso insomma. Però ultimamente mi è venuta la contest dipendenza… Ma sarò strana? Un bacione anche a te e grazie 🙂

  • Rispondi Paola 23 marzo 2014 at 18:50

    Io dico proprio che saranno apprezzati!Le tue foto sono bellissime e gli accostamenti molto originali!Sono d’accordo che questi tipi di contest stimolino molto la fantasia e ci spingano a superare un pò quelli che sono i nostri soliti limiti culinari!Molto contenta di averti trovata! Adoro i blog così ben curati!

    • Rispondi Stefania Zecca 24 marzo 2014 at 10:13

      Ciao Paola, contenta anch’io di aver fatto la tua conoscenza, anche se virtuale 🙂
      Ti ringrazio

  • Rispondi Francesca P. 23 marzo 2014 at 20:24

    Hanno un tocco orientale, un aspetto rustico e sognante insieme, sembrano amuleti portafortuna da tenere sempre con sè oppure ciondoli… 🙂
    La forma della luna è suggestiva e ha tanti simboli, le foto sono splendide e la farina di mais regala sempre sorprese…

    • Rispondi Stefania Zecca 24 marzo 2014 at 10:25

      Francesca ciao. Inizio a pensare che nelle foto che facciamo ci sia molto di noi… forse non ce ne rendiamo nemmeno conto. Ora che mi hai scritto della simbologia hai acceso in me una lampadina. Grazie :))

  • Rispondi lucy 24 marzo 2014 at 7:57

    queste lune sono belle a vedersi e poi mi piace il mix delel farine le mie preferite!

  • Rispondi elenuccia 25 marzo 2014 at 17:35

    Concordo con Francesca, hanno davvero un tocco orientale. E sono davvero bellissime

    • Rispondi Stefania Zecca 28 marzo 2014 at 10:54

      Ciao Elenuccia, ben trovata e scusa il ritardo nel risponderti!
      Ti ringrazio tanto 🙂

  • Rispondi Emanuela Martinelli 26 marzo 2014 at 13:10

    Le tue lune mi piaciono veramente tanto, amo questo tipo di ricette, genuine, improvvisate e studiate, bellissime direi!! Un bacio carissima…

  • Rispondi Mimma e Marta 27 marzo 2014 at 15:44

    Questi salatini salutari devono essere buonissimi, perfetti da sgranocchiare in ogni momento della giornata! siamo inoltre rimaste conquistate dalle foto 🙂

  • Lascia un commento