La torta dei ricordi

23 ottobre 2013
10439896595_d6b47cf2a2_c
 

Ricordo che da ragazza ogni volta che si partiva per andare a trovare gli zii a Genova ero felice.
Pregustavo ancor prima di essere arrivata l’accoglienza che la zia Tilde ci avrebbe riservato.
La sua casa aveva il profumo che hanno i mobili antichi e le tovaglie di lino appena stirate.

Ma ancor di più profumava di cose buone.
La ricordo quando preparava con mano leggera le sue lasagne, il minestrone alla genovese o la torta di mele.

Pochi altri sapori si sono impressi nel mio cuore come quelli che lei sapeva creare.
Era una donna piccola, minuta come uno scricciolo ma tenace. Solare e di una bellezza serena e radiosa, forte e generosa. 
Ti accoglieva con un sorriso e un abbraccio. Aveva il dono di farti sentire bene, sempre. Non l’ho mai sentita lamentarsi per qualcosa o di qualcuno. 

La sua cucina era come lei, lo specchio della sua anima. Confortava ed infondeva dolcezza, scaldava il cuore ed illuminava gli sguardi di tutti noi. 

Da tempo volevo dedicarle questi pensieri preparando la ricetta della torta che più amavo ed amo ancora. Tra vecchi fogli ingialliti l’ho trovata e con nostalgia l’ho preparata pensando ai suoi gesti e al suo sguardo.

Per voi oggi la sua torta.
L’unica variazione che ho fatto è stata quella di sostituire lo zucchero semolato con quello di canna.

Torta di mele di zia Tilde
250 g di farina tipo 0
100 g di burro
1 uovo ed un tuorlo
3 mele renette (o golden)
1 cucchiaio di uva passa
100 g di zucchero integrale di canna (lei semolato)
1 cucchiaio di liquore
il succo di mezzo limone
3 cucchiai di latte
10 g di cremortartaro
un pizzico di sale
un pizzico di vaniglia in polvere

Tagliate le mele a dadini, mescolatele con l’uvetta, il liquore, il succo del limone e un cucchiaio di zucchero. Lasciatele macerare. 
Fate sciogliere appena il burro a bagnomaria e unitelo allo zucchero. Lavorate a crema fino a quando lo zucchero si sarà sciolto poi unite le uova e montate bene fino ad avere una consistenza cremosa.
Aggiungete la farina e il lievito setacciati due volte, un pizzico di sale e vaniglia. Mescolate e unite anche il latte.
Imburrate e infarinate uno stampo da 20 cm di diametro.
Trasferite i 3/4 dell’impasto, distribuite le mele e coprite con la parte restante. La consistenza è quella di una pasta frolla molto morbida. Vi suggerisco di stenderla con le dita inumidite o con un cucchiaio bagnato.
Infornate per 45 minuti circa fino a quando sarà ben dorata.
Per i primi 15 minuti cuocetela a 180°C e poi abbassate a 160°C circa.
Gustatela tiepida con i vostri cari :))

Vi potrebbero interessare

31 Commenti

  • Rispondi Memole 23 ottobre 2013 at 16:30

    Una vera delizia!!!

  • Rispondi Cinzia 23 ottobre 2013 at 17:52

    La torta di mele è un classico e non esiste una “ricetta ufficiale” ma penso proprio che sia perché il suo punto più importante è il Cuore di chi la fa, o la faceva.
    E mangiandola si apre quella magia del tornare a quel cuore… vero ?
    Molto belle le foto, come sempre qui da te
    Un bacio

    • Rispondi Stefania Zecca 23 ottobre 2013 at 20:19

      Sì, ma chissà perché è uno di quei dolci che ci lega di più a certi ricordi… Grazie Cinzia, un bacio anche a te 🙂

  • Rispondi Gabila Gerardi 23 ottobre 2013 at 19:28

    La torta di mele e’ un po’ la torta dei ricordi di tutti! Immancabile sulla mia tavola e mi piace sperimentare sempre nuove versioni! La tua la metto nella lista!

    • Rispondi Stefania Zecca 23 ottobre 2013 at 20:21

      Anche a me piace provarne tante versioni, le mele poi non stancano mai… Grazie Gabi 🙂

  • Rispondi Stefania Dalla Pria 23 ottobre 2013 at 21:01

    Ho appena finito di scrivere la ricetta di un’altra buonissima torta di mele anch’io che posterò domani mattina, sono d’accordo con te che la torta di mele è uno dei dolci che ci lega di più ai ricordi e questa torta sicuramente è buonissima proverò anche questa tua versione. Complimenti Stefy sia per la torta che per la foto.Un abbraccio a presto.

    • Rispondi Stefania Zecca 25 ottobre 2013 at 6:47

      Grazie Stefy, ho visto anche la tua torta bella e rassicurante… Un bacione

  • Rispondi Marina 24 ottobre 2013 at 6:39

    Buongiorno Stefania, questa torta di mele, piena di ricordi, è di sicuro un dolce pieno di sapore ed anche d’amore… insomma è la torta più buona che c’é! A presto

    • Rispondi Stefania Zecca 25 ottobre 2013 at 6:49

      Vero Marina? Buona giornata, te ne mando virtualmente una bella fettona!

  • Rispondi Roberta | Il senso gusto 24 ottobre 2013 at 13:47

    com’è Stefy che io quando ti leggo mi commuovo sempre? Mi riporti indietro velocemente a tanti ricordi anche se io, raramente, mi volto a guardare il passato. La nostaglia non mi appartiene e mi piace da matti guardare avanti verso quello che ancora non c’è. La tua torta deve essere buona come il tuo ricordo….
    Bacioni

    • Rispondi Stefania Zecca 25 ottobre 2013 at 6:53

      Scusa Roby non volevo farti versare lacrimucce… Io sono molto nostalgica, senza i ricordi non avrei il presente. Però guardo anche avanti con curiosità ed entusiasmo. Spero di farti ridere la prossima volta! Un bacio

  • Rispondi paola 24 ottobre 2013 at 21:22

    amo le torte di mele e questa ha un sapore ed un profumo in più quello del ricordo, grazie epr la ricetta e complimenti per il blog, ti lascio il link del mio blog
    http://cioccolatoamaro-paola.blogspot.it/

  • Rispondi Tiziana M 24 ottobre 2013 at 22:00

    che bei ricordi!!! l’immagine rende davvero l’idea di quello che racconti!! questa torta ricca di mele penso sia una favola!!!

    • Rispondi Stefania Zecca 25 ottobre 2013 at 6:54

      Grazie Tiziana, spero abbia evocato la dolcezza della mia cara zia…

  • Rispondi sississima 25 ottobre 2013 at 10:01

    complimenti alla zia Tilde per questa torta che sa proprio di buono…(foto favolose) Un abbraccio SILVIA

  • Rispondi Chiara c. 25 ottobre 2013 at 10:37

    grazie per questa torta piena di ricordi, grazie per i tuoi ricordi pieni di amore
    grazie per questo post pieno di te!!
    sai sembra la mia carissima zia Lina, sorella di mio nonno, minuta, bella elegante che si racconta attraverso le sue ricette, ogni volta che vado a trovarla la trovo con il suo bellissimo sorriso e la sua dolcezza indaffarata in cucina per regalarci i sapori che si fa tornare bambini…
    grazie carissima

    • Rispondi Stefania Zecca 25 ottobre 2013 at 13:36

      Grazie Chiara, allora porta un saluto affettuoso a tua zia Lina da parte mia! Queste sono persone rare e fantastiche e quando si ha la fortuna di trovarne una bisogna tenersela ben stretta… Un abbraccio

  • Rispondi Simona Mirto Tavolartegusto 26 ottobre 2013 at 23:06

    Una torta speciale Stefy, come la tua zia Tilda… ci sono sguardi e gesti legati al cibo che non si dimenticano… un pò come quando da me preparavano la pizza il sabato sera… momenti che restano scolpiti nel cuore e ci accompagnano per sempre… grazie per averli condivisi con noi:*
    tesoro scusami per l’assenza ma sono stata senza pc per un bel pò… ti mando un caro abbraccio:*

    • Rispondi Stefania Zecca 28 ottobre 2013 at 9:44

      ciao Simo, eccoti! Non preoccuparti, non ci insegue mica nessuno… sono contenta di risentirti. Un abbraccio anche a te bella e grazie!

  • Rispondi Barbara Mugnai 28 ottobre 2013 at 10:55

    Ah la torta di mele… profumo inconfondibile che fa sempre CASA…
    Complime nti per la foto, una poesia!
    Buona settimana
    Barbara

    • Rispondi Stefania Zecca 28 ottobre 2013 at 11:03

      Ciao Barbara, sì, basterebbe il solo profumo… Ti ringrazio e auguro anche a te una buona settimana : >

  • Rispondi Chiarapassion 30 ottobre 2013 at 15:40

    La torta di mele è uno dei comfort food che preferisco e non manca mai sulla mia tavola in questi periodi, segno subito la ricetta e la provo quanto prima sono anche curiosa di provare la farina 0 per una semplice torta, solitamente la uso solo con i lievitati.
    Buon pomeriggio
    Enrica

  • Rispondi Francesca P. 1 novembre 2013 at 16:07

    Mi sono emozionata… forse perchè reputo speciali le ricette legate ai ricordi del passato, sono una nostalgica inguaribile, mi perdo sempre a ripensare a dettagli, sensazioni, odori… come hai fatto tu…
    Una torta dell’anima, questa… quindi ancora più buona…

  • Rispondi Antonietta 2 novembre 2013 at 20:35

    Che teneri e dolci ricordi che custodisci; certe immagini,certi sapori e certi profumi non si dimenticano mai.
    E poi la torta di mele: pura emozione!
    Grazie per la tua preziosa condivisione

  • Rispondi Miky 5 novembre 2013 at 14:56

    Ma quanto sono preziosi i ricordi?
    Adoro la torta di mele.
    Bellissimo post cara Stefy,
    Un bacio
    Miky

  • Rispondi Stefania Zecca 5 novembre 2013 at 17:34

    Ragazze care vi ringrazio tanto tanto tanto! Un abbraccio 🙂

  • Rispondi Letiziando 7 novembre 2013 at 13:04

    Post davvero traboccante di vita: ricordi affettuosi, foto meravigliosa, ricetta senza tempo e quindi “nel cuore di ognuno, ma anche diversa e personale per ciascuno….

    un abbraccione

  • Rispondi Babe - La Cucina di Babe 14 novembre 2013 at 11:04

    Non passavo di qui da un po’ e quando ho visto questo post mi è venuta una fitta al cuore.
    Fogli sparsi di ricette scritte a mano ed una torta di mele.
    Ecco.
    Bacini

  • Lascia un commento