Un po’ di nostalgia… fave e cicorie

22 giugno 2013
9106029057_55430412a8_c

Fave bianche e verdure di campo

So che questa ricettina è per pochi, per chi ama la semplicità estrema, i sapori puliti e un po’ rustici, quindi perdonate se non sarà da tutti gradita!

Ho un urgente bisogno di andare a salutare la mia terra, troppo troppo lontana anche se ci sono gli aerei, lo so. E’ che mi scappa di andarci da un giorno con l’altro e non è possibile, non sono esattamente una che programma le cose mesi prima.
Quindi mi consolo con un piatto che più tipico non si può.
Per voi, dalla Puglia con molto Amore, fave e cicorie.
Se vi ho ispirato, mettete in ammollo 500 g di fave bianche senza la buccia la sera prima.
Il giorno dopo copritele con acqua fredda e portatele a bollore. Schiumate e poi unite 2 patate pelate e tagliate a cubetti, 2 spicchi d’aglio senza pelle, una carota pelata e tagliata a tocchetti, una piccola costa di sedano, 2 foglie d’alloro e fate cuocere a fuoco dolcissimo fino a quando le fave saranno morbide (ci vorrà un’oretta scarsa). C’è chi cambia l’acqua dopo la prima ebollizione e prima di aggiungere le patate.
Comunque, quando son belle morbide, togliete dal fuoco, regolate di sale e con l’aiuto di una frusta o di un frullatore ad immersione riducetele in purea.

Accompagnate con verdure di campo precedentemente raccolte, come spiego qui, saltate in padella con aglio e olio e peperoncino fresco tagliato a julienne. Completate con un giro d’olio d’oliva extravergine. Dimenticavo! Servite con crostini di pane casereccio fatto da voi, naturalmente!

Bacetti a tutte/i

Vi potrebbero interessare


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /homepages/4/d638939906/htdocs/wp-includes/class-wp-comment-query.php on line 405

18 Commenti

  • Rispondi Arianna Frasca 22 giugno 2013 at 15:18

    Mi hai ispirata, eccome!

  • Rispondi Giuse B 22 giugno 2013 at 15:23

    E chi non gradirebbe un piatto così !?
    Buon fine settimana.
    GiuseB

    • Rispondi Stefania Zecca 22 giugno 2013 at 16:16

      Beh, penso tanti in realtà… Grazie Giuse, buon weekend anche a te.

  • Rispondi Zucchero e zenzero 22 giugno 2013 at 19:06

    Io sono ispirata! I piatti semplici come questo sono quelli che in assoluto amo di più, soprattutto quando sono legati a qualcosa di speciale.
    Buona domenica 🙂

    • Rispondi Stefania Zecca 24 giugno 2013 at 8:12

      Sì, è come dici tu, in particolare quando sono legati a bei ricordi… buona settimana

  • Rispondi Miss Becky 22 giugno 2013 at 23:25

    Da moglie di un pugliese, potrei non essere io innamorata di questa delizia. Forse riusciremo a scendere anche noi quest’anno già in Salento dai suoceri…un pò di mare e un pò di sani sapori.
    Bacettini

    • Rispondi Stefania Zecca 24 giugno 2013 at 8:14

      Allora comprendi bene… salutami tanto il Salento e goditi i suoi profumi e sapori. Bacetti anche a te.

  • Rispondi Roberta | Il senso gusto 24 giugno 2013 at 8:39

    ciao Stefy, ti confesso che anche io ho un estremo bisogno di cose semplici e non solo nel cibo. Ricetta sanissima ed quilibrata quindi entrerà a fare parte della lista di quelle da provare. Ma posso usare eventualmente anche le fave surgelate?
    un abbraccio

    • Rispondi Stefania Zecca 24 giugno 2013 at 8:48

      ciao Roby, che bello risentirti! Oh, sì, voglia di tanta semplicità e di non rincorrere impegni di alcun tipo, vero?
      Prova! In realtà ci sono diverse varianti di questa ricetta. In Sicilia è anche conosciuta come “macco” e la si può fare con fave fresche e con procedimento identico (puoi omettere le verdure). Credo che si possano utilizzare tranquillamente anche le fave surgelate. Le hai già provate, lasciandole però intere, solo con cipollotto e menta o finocchietto fresco? Sono una favola.
      Fammi sapere, un abbraccio e auguri per la tua prossima e bellissima esperienza senese!

  • Rispondi Simona Mirto Tavolartegusto 24 giugno 2013 at 19:52

    tesoro allora questo piatto è per me… adoro i sapori semplici e gli ortaggi della terra, il loro profumo rustico e vitale… credimi sono tra gli ingredienti che prediligo e che mi fanno più gola, anche più di una torta al cioccolato:*
    ps scusami il ritardo ma in questi giorni sono proprio presa… poi in più c’è anche la nuova grana di Bloglovine.. oggi 1 giornata libera passata tra fb e questa piattaforma a cerca di aggiungere tutti blog … naturalmente ci sei anche tu:* ti abbraccio stefy cara buona serata:*

  • Rispondi Stefania Zecca 24 giugno 2013 at 20:18

    ciao Simo, non preoccuparti, qui non si timbra mica il cartellino! Io son riuscita a sistemare tutto grazie a Vaty, sennò lasciavo stare com’era… Sono contenta che piacciano anche a te questi sapori quasi primordiali.. ma una torta al cioccolato è sempre una torta al cioccolato! un abbraccio e grazie

  • Rispondi Babe - La Cucina di Babe 25 giugno 2013 at 8:36

    Bella donna hai fatto fare anche a me un tuffo nei ricordi.
    La mia nonnina e la mia mamma mi facevano sempre la cicoria ed io ne andavo matta.
    Non la faccio mai e non saprei dirti perché.
    Devo rimediare e farla assaggiare all’omone!
    Bacino

    • Rispondi Stefania Zecca 25 giugno 2013 at 13:55

      ciao Babe, le nonnine… che belle! Ma sai, ci sono un mucchio di cose che anch’io non preparo anche se mi piacciono, forse sono troppe e me ne dimentico! un baciuzzo

  • Rispondi Sandra dolce forno 25 giugno 2013 at 13:00

    Stefania, per me questi sono i sapori ed i piatti preferiti senza dubbio!e tu li descrivi e li presenti così bene che non è possibile non avere il desiderio di provarli:)
    Un bacio, buona giornata 🙂

    • Rispondi Stefania Zecca 25 giugno 2013 at 13:57

      Grazie Sandra, troppo buona sei! Pensa che da piccola queste cosucce proprio non le potevo nemmeno vedere! Si cambiano i gusti crescendo. Bacetti a te

  • Rispondi Chiara c. 26 giugno 2013 at 17:17

    meraviglioso il tuo scatto!!!!
    racconta tutta la bontà della tua splendida ricetta!!! le ricette che più amo, quelle che con semplicità e con ingredienti di grande genuinità fanno assaporare la terra da cui nascono…grazie Stefania, semplicemente meravigliosa!

  • Lascia un commento