L’insostenibile leggerezza del crumble

4 giugno 2013
8947867373_b8a81c7b40_c
 
C’è chi lo ama e chi no. E non parlo di Kundera.
A me piace, sempre. In primavera, estate o inverno che sia. Mi piace in particolare con la frutta fresca e con la crema. È uno di quei dolcetti che vengono in aiuto quando si ha poco tempo e si desidera comunque qualcosa di delizioso. 
Sicuramente per me questo è uno di quei momenti, che oramai si protrae da un bel po’. Allora si brama solo un briciolo di leggerezza, di aria nuova, di pensieri nuovi o, perché no, di svagarsi facendo acquisti.
Investire nei propri sogni comporta qualche rischio. Si vola in alto quando si lavora ad un progetto e si è carichi di entusiasmo. Non si pensa a nulla, oltre che a cercare di trasmettere agli altri il proprio fervore creativo. Si insegue non la perfezione ma quel qualcosa che fermi l’attimo migliore del nostro operare, la sensazione che tutto sia possibile, la bellezza, l’armonia. Lo faccio quando cucino, fotografo e creo oggetti in ceramica. Forse per molte persone tutto questo è tempo perso. Ogni tanto me lo domando anch’io e allora il volo diventa più basso. Ma bisogna resistere. Meglio la leggerezza, la spensieratezza dei sogni. L’importante è tenerseli ben stretti, prima o poi si avvereranno.
 
Come premio per aver letto i miei pensierini, la ricetta di questo crumble leggero con crema di latte e frutta fresca. 
 
Il crumble:
Scaldate il forno a 180°C. Mescolate con la punta delle dita (o nel mixer) 100 g di farina di riso con 45 g di burro tagliato a dadini e 40 g di zucchero. Amalgamate velocemente tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto sbriciolato. La farina di riso lo rende più asciutto, quindi vi consiglio di aggiungere 1/2 cucchiai di latte. Trasferite il crumble in uno stampo imburrato e infornate fino a quando sarà ben dorato. Mentre cuoce ogni tanto toglietelo dal forno e rimestatelo con una forchetta. 

Crema
:
350 g di latte
2 cucchiai colmi di maizena
1 cucchiaio colmo di zucchero
la scorza di mezzo limone
1/2 cucchiaino da tè di vaniglia in polvere
Mescolate la farina con lo zucchero e la vaniglia. Aggiungete poco alla volta il latte e stemperate bene per eliminare i grumi, unite il restante latte e la scorza del limone. Portate lentamente a bollore sempre mescolando. Proseguite la cottura  per 10 minuti. Spegnete e mettete in fresco.
Per accompagnare:
250 g di frutta rossa, come fragole e ciliegie.
 
Trasferite la crema in 4 ciotoline, distribuite il crumble e la frutta. Da servire tiepido o fresco con la leggerezza dei vostri sogni.
ciao
 

Vi potrebbero interessare


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /homepages/4/d638939906/htdocs/wp-includes/class-wp-comment-query.php on line 405

22 Commenti

  • Rispondi Arianna Frasca 4 giugno 2013 at 16:20

    I tuoi pensieri di oggi sono molto simili ai miei. Mai lasciar volar via i sogni, anche se a volte volano proprio in basso!
    E siamo simili anche per la passione per il crumble. Io più per la versione salata ma anche la dolce non mi dispiace!

    • Rispondi Stefania Zecca 4 giugno 2013 at 16:31

      Ciao Arianna, oh mi consolo! Grazie per avermelo detto. Il crumble piace molto anche a me in versione salata, insomma in tutte le versioni! Un bacio e buona serata : )

  • Rispondi Margot 4 giugno 2013 at 16:30

    Il crumble di solito ricopre qualcosa di soffice e cremoso, un po’ come la tenacia ricopre i sogni più timidi e delicati. Per un risultato perfetto come questa tua ricetta, il segreto è mettere un po’ di croccantezza a proteggere il cuore “fondente” dei nostri progetti 😉

    • Rispondi Stefania Zecca 4 giugno 2013 at 16:40

      Margot, tu sei davvero una scrittrice nata… mi hai tolto le parole di bocca. Hai dato corpo ad una cosa che non riuscivo a descrivere e tu l’hai fatto al meglio! un bacio e grazie 🙂

  • Rispondi Dolci a gogo 4 giugno 2013 at 16:39

    Come diceva Shakespeare “Siamo fatti della stessa sostanza dei sogni” quindi bisogna sognare creare e avere la mente e la tenacia giusta per proiettarsi verso il proprio sogno anche se tutti ti dicono di mollare bisogna inseguirlo e come premio finale questo crumble sarebbe decisamente il top!!!Un bacione,Imma

    • Rispondi Stefania Zecca 4 giugno 2013 at 16:50

      Diceva bene… e di tenacia e perseveranza bisognerebbe averne una bella scorta in dispensa, vero? grazie Imma, un bacio : )

  • Rispondi Babe - La Cucina di Babe 4 giugno 2013 at 16:56

    I sogni…cosa c’è di più bello che inseguirli?
    Niente.
    Io so solo che quando lo faccio mi guardo allo specchio, sorrido e mi sento felice.
    Poi se mi dai questo dolcetto…
    Bacini splendore.

    • Rispondi Stefania Zecca 4 giugno 2013 at 17:09

      Basta inseguirli in continuazione, senza pause! Il dolcetto è anche per te! Bacetti cara : ) grazie!

  • Rispondi Chiara c. 4 giugno 2013 at 17:25

    i sogni sono come linfa per la nostra vita!
    devi sempre volare alto
    sei farfalla, rondine, aquila…leggera, elegante, capace di guardar lontano e di realizzare ogni tuo sogno!
    penso che tutto il tempo che dedichiamo a ciò che ci rende felici non sarà mai tempo perso e con la tenacia molti sogni ci sfuggiranno dalla stretta in cui li tenevamo per diventare realtà!
    un dolcino perfetto per ricordarci che i sogni son fatti di leggerezza e che hanno bisogno di forza e tenacia per realizzarli
    ti abbraccio forte

    • Rispondi Stefania Zecca 5 giugno 2013 at 21:27

      Chiaretta come hai ragione! Bellissimi i tuoi pensieri! Ti ringrazio tanto e ti mando un abbraccio grande.

  • Rispondi Zucchero e zenzero 4 giugno 2013 at 20:21

    C’è quasi sempre bisogno di leggerezza, motivo per cui mi rifugio in cucina e mi sbizzarrisco con gli ingredienti che capitano.
    Il crumble mi piace eccome, sarà che vado matta per i dolci burrosi e croccanti? Con la crema non l’ho mai provato, deve essere una delizia.
    Un abbraccio!

    • Rispondi Stefania Zecca 5 giugno 2013 at 21:29

      La cucina è sicuramente un buon mezzo per alleggerirsi! Un abbraccio anche a te e grazie.

  • Rispondi Valentina 4 giugno 2013 at 20:42

    Cara Stefania… come ti capisco! A volte sembra tutto tempo perso, si… a volte è così… ma non bisogna mollare, i sogni prima o poi si avverano se davvero ci crediamo e li amiamo con tutta l’anima… io ne sono proprio convinta… Dunque, credici sempre.. e si avvererà 🙂 Amo Kundera e amo il crumble, il tuo è a dir poco delizioso! Complimenti, un abbraccio fortissimo e in bocca al lupo, sappi che ti stimo tanto :**

    • Rispondi Stefania Zecca 5 giugno 2013 at 21:38

      ciao Vale, sì certe volte è davvero difficile portarli avanti! Però credo che dipenda solo dalla nostra costanza e dall’intensità della nostra passione. Spesso ci assorbono tutte le energie e allora dobbiamo fermarci un attimo per riprenderci e poter poi ripartire con rinnovato slancio.
      Ti ringrazio tanto e ricambio il tuo abbraccio.

  • Rispondi Vaty ♪ 7 giugno 2013 at 9:37

    Mia cara, i sogni alimentano le nostre speranze e – anche se non sempre si può volare alto – non dobbiamo mai smettere di volare. Questa passione che ci accomuna talvolta ci stanca e talvolta ci porta a questi interrogativi: ma perché perdiamo così tanto tempo? Ma quel obiettivo arriverà mai? Ma sarà poi come ci aspettiamo? Ma ne varrà la pena? Domande in cui mi ci ritrovo. Io ho un altro lavoro che in realtà mi impiega tanto tempo quindi questa parte creativa della mia vita e’ puro hobby e credo che mi serve proprio contrappeso agli impegni talvolta pesanti dell’avvocatura.
    Tu sei molto creativa, hai tanto talento e per me sei a pochi passi da tutto ciò che ti sei prefissata quindi.. Non mollare! Come premio posso ritirare il crumble? Io lo adoro!
    Sei una persona bellissima e leggerti e’ meglio di un testo di kundera!

    • Rispondi Stefania Zecca 7 giugno 2013 at 14:38

      ciao Vaty, spero di resistere! Vorrei sempre dire molto altro ma mi pongo un limite per non “appesantire” troppo questo spazio. Ti ringrazio davvero tanto per il tuo incoraggiamento e per i complimenti molto belli, sei proprio dolce.
      p.s: non avevo assolutamente la presunzione di scrivere meglio di Kundera! La scrittura non è una mia abilità. Grazie ancora, un bacetto grande : )

  • Rispondi Simona Mirto Tavolartegusto 10 giugno 2013 at 22:30

    Tesoro tempo fa un caro amico, oggi scrittore di successo, mi disse “simo, i sogni se ne vanno solo se sei tu a spezzare il filo”… a volte è dura, interminabile, a volte mancano le forze e basta un nulla per rimettere tutto in gioco… ma sono sicura (e la vita mi è testimone di questo) che i talenti vanno avanti.. tu ne hai da vedere … il crumble è una meraviglia ricetta, foto e setting e ps Amo Kundera .. insomma qui è tutto incredibilmente affascinante:*
    ps scusami l’assenza ma sono molto presa oggi da 1 settimana è il primo pomeriggio libero che ho … ti abbraccio stefy:*

    • Rispondi Stefania Zecca 11 giugno 2013 at 11:15

      Cara Simo, non ne ho il minimo dubbio… però ci vuole anche un pizzico di fortuna, che aiuta sempre! Ti ringrazio, i tuoi commenti ed incoraggiamenti sono sempre super graditi, lo sai. Anch’io latito di frequente in questi mesi quindi non ti devi preoccupare, non siamo donne bioniche anche se ci farebbe molto comodo! Un abbraccio a te : )

  • Rispondi Tiziana 14 agosto 2013 at 11:41

    Mi sto chiedendo come facevo a non conoscere questo tuo meraviglioso spazio….ti faccio tanti complimenti per le splendide ricette e foto!! A presto

    • Rispondi Stefania Zecca 14 agosto 2013 at 12:18

      Ciao! Grazie per i complimenti! A presto e ben trovata Tiziana

  • Rispondi cincia del bosco 13 giugno 2014 at 10:29

    Ah, da quanto che devo fare una crema al latte…
    Complimenti per le fotoricette splendide!
    saluti Su

    • Rispondi Stefania Zecca 13 giugno 2014 at 13:50

      Un saluto a te Su e ben trovata. Ho letto che insegni yoga… Mi ci vorrebbe qualche lezione! Ti ringrazio per i complimenti 🙂

    Lascia un commento