Un tocco di leggerezza

7 gennaio 2013
8358288456_5d0fbbf425_z
Ben ritrovati e buon inizio a tutti!

Dopo una lunga assenza eccomi qui.
Le feste sono un momento durante il quale si ha davvero la possibilità di dedicarsi agli altri con un po’ più di calma.
E’ stato necessario prendersi una pausa, dal blog, dal lavoro e dalle solite cose di ogni giorno per potersi dedicare finalmente alla famiglia che è stata amorevolmente coccolata con vari pranzetti… vi sembrerà strano ma per me è stata una specie di vacanza cucinare per il piacere di allietare chi mi sta vicino.

Non pensate anche voi che anche attraverso l’atto del cucinare si possa esprimere un’autentica forma d’arte? Quando ho completato una ricetta nel modo giusto, muovendomi con gesti sicuri e determinati e vedo gli ingredienti unirsi e dar vita a nuovi sapori è un po’ come se impugnassi il pennello e mi mettessi a dipingere trovando con facilità l’equilibrio nei colori e nella composizione. Non riesco a descrivervi le sensazioni di meraviglia e contentezza che mi pervadono! Pura magia!

Dopo questa digressione torniamo a noi.
Per iniziare l’anno ho pensato ad una cosuccia tanto leggera ma appetitosa nonostante l’apparenza e gli ingredienti.
Forse (senza forse) dopo i sontuosi banchetti natalizi sarà difficile riprendere di colpo con alimenti meno calorici ma in caso di astinenza possiamo tirar fuori all’occorrenza un piccolo dolcetto imboscato nella dispensa.
Ecco per voi un mix di riso ribe integrale, rosso corallo e nero venere (li trovo già miscelati in un’unica confezione), ricchissimi in sali minerali accompagnati da una crema di topinambur.
Il topinambur, conosciuto anche come carciofo di Gerusalemme o girasole del Canada, ho scoperto avere dei bellissimi fiori gialli che assomigliano a grosse margheritone, nonché diverse proprietà benefiche.
Il suo gusto molto accattivante sta tra il carciofo e il cardo.
Quindi, riso, topinambur, olio extravergine d’oliva (o di sesamo) e scorzetta d’arancia. Li avete in casa? 

 

 

Ingredienti per due persone (per quattro raddoppiate)
350 g di topinambur
140 g di mix di riso (ribe, rosso e venere)
1 scalogno tritato
olio d’oliva extravergine
acqua calda 1 bicchiere circa
scorza di arancia a julienne
(tutto bio)
stampini da muffin o ciotoline

Lessate il riso a fuoco dolce per il tempo indicato sulla confezione e scolatelo (ci vorranno 30 minuti circa).
Sbucciate i topinambur con il pelapatate, lavateli e tagliateli a cubetti.
In una pentola scaldate un cucchiaio d’olio, unite lo scalogno e i topinambur e fate stufare.
Unite l’acqua calda, regolate di sale e pepe e fate cuocere per 20 minuti con il coperchio a fuoco dolce. 
Fate intiepidire e frullate il tutto con il frullatore ad immersione.
Oliate gli stampini (per una presentazione più carina) e riempiteli di riso pressando bene con un cucchiaio.
Rovesciate gli stampini sopra i piatti, condite con poco olio e adagiate su ognuno la crema di topinambur.
Decorate con la scorzetta di arancia, spolverizzate con del pepe macinato al momento (a piacere) e servite.

se vuoi lascia un tuo commento, sarà gradito

Vi potrebbero interessare


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /homepages/4/d638939906/htdocs/wp-includes/class-wp-comment-query.php on line 405

19 Commenti

  • Rispondi Memole 7 gennaio 2013 at 17:18

    Che ricettina appetitosa!!!

  • Rispondi Vaty ♪ 7 gennaio 2013 at 17:32

    carissima, ben tornata. Concordo con te in pieno, su tutto, anche sull’arte della cucina.
    Io mi sono messa di recente a fotografare i miei piatti e proprio ora ho capito che tutto ciò che facciamo è un modo bellissimo per esprimere le nostre piccole-grandi vene artistiche.
    un bacio cara e felice anno nuovo,
    vaty

  • Rispondi Roberta 7 gennaio 2013 at 18:22

    Mi sono innamorata del tuo blog per le presentazioni incantevoli che sai fare dei piatti, senza mai cadere nel banale. Il topinambur poi… io non l’ho mai usato anche se lo vedo parecchio in giro, sarà ora che mi decida anche io.

  • Rispondi Cinzia 7 gennaio 2013 at 18:41

    già… carissima bentornata e buon rientro/inizio 🙂
    questo bel riso mi piace: i risi vari li ho, e il topinambur pure! anch’io ho pubblicato una ricetta con questi tuberi che adoro, sai che abbassano l’assorbimento degli zuccheri a livello intestinale? …cioé io dico: un tuberino e poi un dolcino 😉
    ahah!

  • Rispondi Valentina 7 gennaio 2013 at 19:28

    La cucina è arte, mi trovi completamente d’accordo 🙂 Questo riso mi piace un sacco, prima o poi dovrò decidermi a provare il topinambur! Complimenti, sempre bravissima 🙂 Un bacione, buon anno 🙂

  • Rispondi Ely 7 gennaio 2013 at 20:15

    Bentornata, cara! Si, la cucina è amore, solo amore.. è un modo per regalare emozioni, tenerezza e bene.. hai fatto benissimo a dedicarti alla tua famiglia, non c’è nulla di più importante! E che ricettina gustosa e leggera.. mi piace molto questo genere di piatto.. complimenti 🙂 Un bacione!

    • Rispondi Ely 7 gennaio 2013 at 23:26

      p.s. ti ho letta nei commenti sul mio blog, tesoro.. e ti ringrazio immensamente. Per leggerli devi cliccare su ‘carica altro’ in grigio, sotto a tutti i commenti, fino a che non leggerai i tuoi interventi e le mie risposte. 🙂 Ti voglio bene, cara. :*

  • Rispondi lalexa 7 gennaio 2013 at 22:48

    guarda !hai centrato appieno il punto!anche io vedo la cucina così,proprio ieri in un post ho citato un pezzo di Banana Yoshimoto tratto da Kitchen in cui descrive secondo me magistralmente la cucina !e comunque …vogliamo parlare del tuo riso…?geniale.sei sempre impeccabile.bacio

  • Rispondi Elisa 7 gennaio 2013 at 23:35

    Bentornata!! 🙂
    E son d’accordo con te: cucinare è una forma d’arte.
    Ottima la tua ricetta 🙂
    Un bacio

  • Rispondi Luna Nera Azzurra 8 gennaio 2013 at 11:04

    ma che bello il tuo blogghino! Siamo amici su FB ma non ero forse mai passata da qui… è proprio accogliente, hai veramente buongusto! anche per le ricette, infatti questa mi piace molto.. ho scoperto i topinambur da pochissimo 😀
    Divento subito tua follower! Ah, se ti va, passa a trovarmi!

  • Rispondi Margot 8 gennaio 2013 at 11:15

    Mi trovi totalmente d’accordo, la semplicità delle ricette è anche per me molto importante. Molto spesso la differenza la fa davvero la qualità della materia e quella creatività “pulita” che si accontenta di pochi ingredienti.
    Ti abbraccio, a presto!

  • Rispondi www.unavnelpiatto.it 8 gennaio 2013 at 22:00

    Sono queste le ricette che più apprezzo, quelle che uniscono pochi ingredienti sani e leggeri per un risultato perfetto e cruelty free 😀
    Conosco tutti gli ingredienti da te usati e li apprezzo tutti! 🙂
    Bentornata nel blog…
    Lo stacco, per qualsiasi motivo, ogni tanto ci vuole e a quanto si legge e’ stato davvero piacevole x te dedicarti a ciò che ami: la tua famiglia e la cucina ❤

  • Rispondi Babe - La Cucina di Babe 9 gennaio 2013 at 20:06

    La magia…la magia…
    La conosco bene.
    Quel momento in cui ti pare di vivere sollevata da terra, in uno spazio tempo diverso. Follia? Non so ma in quel momento gli ingredienti si mischiano e, come dici tu, prendono forma.
    E la forma che dai tu è meravigliosa.
    Sempre.
    Un bacino 🙂

  • Rispondi Roberta | Il senso gusto 10 gennaio 2013 at 11:37

    eccomi, sempre sempre in ritardo!! Innanzitutto tanti auguri!
    Questo tortino l’ho addocchiato ieri ma senza riuscire a commentare ma se mi perdoni il ritardo i complimenti per la leggerezza (che va tanto bene in questo mese di gennaio) te li faccio molto volentieri.
    Un abbraccio e buona giornata

  • Rispondi sississima 10 gennaio 2013 at 19:06

    io adoro il topinambur, un abbraccio SILVIA

  • Rispondi Maria Pia Sc 13 gennaio 2013 at 11:55

    anch’io sono tornata sul blog solo da pochi giorni dopo una lunga pausa durata per tutto il tempo delle festività!
    ti faccio tantissimi auguri di buon anno, spero ti riservi tante cose belle!

  • Rispondi Daniela Lucisano 13 febbraio 2013 at 22:45

    Bellissimo da vedere e sicuramente ottimo da mangiare!

  • Rispondi Fabiano Guatteri 14 febbraio 2013 at 12:04

    Mi piacciono le tue ricette ai cereali. Qui poi utilizzi i topinambur che io adoro

  • Rispondi Stefania Zecca 14 febbraio 2013 at 12:10

    Grazie a tutti voi, per i vostri pensieri e i vostri apprezzamenti. E’ sempre un piacere leggervi!

  • Lascia un commento